Villa Ada

Il cuore verde di Roma

Secondo parco pubblico di Roma dopo Villa Doria Panphili, Villa Ada è uno dei parchi più amati dai romani.
Villa Ada si trova nella parte settentrionale di Roma, su Via Salaria con ingressi al pubblico tutto il giorno, fino al tramonto, oltre che da Via Salaria anche da Via di Ponte Salario, Via Monte Antenne, Via Panama.
Villa Ada è un parco nato nel XVII secolo come tenuta agricola su un’area importantissima dal punto di vista storico: nella stessa area sorgeva Antemnae una delle più antiche città Laziali.


Il parco di Villa Ada ha dovuto attendere il ‘700 per essere adibito a parco pubblico quando venne dotata di percorsi articolati e piccole costruzioni caratteristiche come il Belvedere.
Nel 1872 la Villa di Roma venne acquistata dai Savoia che la arricchirono per unirla alla loro tenuta.
La denominazione “Villa Ada” è dovuta all’amministratore dei beni della casa reale il Conte Tellfner che acquistò momentaneamente il parco di Roma da Umbero I di Savoia, poco legato alla vita di campagna, e lo dedicò a sua moglie Ada, per poi rivenderlo ai Savoia nel 1904.
Fu Vittorio Emanuele III che riacquistandola la adibì a residenza reale mettendola al centro anche di importanti eventi storici: fu a Villa Ada che il Re convocò Mussolini e lo fece arrestare nel 1943.
Alla caduta della monarchia parte della Villa romana rimase proprietà privata dei Savoia e parte fu invece acquistata dal demanio pubblico nel 1957.

Oggi Villa Ada, dotata di percorsi sportivi, una pista di pattinaggio e una ricca fauna è una delle Ville più frequentate di Roma, adorata per il joggin, ma anche per passeggiate nel verde con una superficie per l’80% alberata, ma anche con vasti prati.

Tra i giovani romani è molto conosciuta anche per i numerosi concerti estivi che ogni anno vengono organizzati, anche contro il parere di alcune associazioni ambientaliste romane: dal 1994 è conosciutissima la manifestazione “Roma incontra il mondo” con numerosi appuntamenti musicali di diverso genere per tutti i mesi estivi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *