Cubisti Cubismo: Picasso, Braque, Léger ed il linguaggio internazionale del Cubismo

CUBISTI CUBISMO Dopo il successo della mostra dedicata a Renato Guttuso il Vittoriano accoglierà una nuova esposizione che metterà in scena molti dei capolavori dell’arte cubista. Il titolo sarà “Cubisti Cubismo” ed avrà luogo nelle sale espositive del complesso monumentale della capitale dall’8 marzo fino al 23 giugno 2013.

L’intento della mostra è quello di portare alla luce oltre 200 opere del più grande movimento d’avanguardia del XX secolo attraverso filmati, oggetti di design, oli e sculture. Alcuni dei nomi protagonisti dell’esposizione? Braque, Picasso e Léger che hanno impresso al movimento cubista, soprattutto in Francia tra il 1907 ed il 1914, una grande forza di rottura con l’arte del passato, influenzando in tal modo l’intera cultura di un’epoca. Mostra al vittoriano sul cubismo Quando viene pronunciata la parola Cubismo immediatamente si pensa ad una corrente artistica ben delineata con caratteristiche ed ideologie ben definite. In realtà il Cubismo non è un movimento che ha a capo un vero fondatore né tantomeno una direzione unitaria. Nel 1908 Matisse, mentre stava osservando alcune opere dell’artista Braque fatte da piccoli cubi, disse che a suo avviso non erano nulla di eccezionale; l’anno successivo Louis Vauxcelles gli attribuì il nome di “bizzarrie cubiste”. Da quel momento in poi le opere di Picasso, Braque, Léger e altri contemporanei vennero chiamate cubiste.

Tuttavia si può individuare nel genio di Paul Cézanne una sorta di sperimentatore di un nuovo modo di fare arte. Partendo da una semplificazione delle forme geometriche e dallo studio di maschere africane, un gruppo di artisti iniziarono a scomporre l’oggetto da rappresentare fino ad eliminarne del tutto la visione prospettica e naturale. Arte cubista Altri geni dell’arte cubista che vengono messi in luce durante la mostra Cubisti Cubismo del Vittoriano sono: Juan Gris, Albert Gleizes, Diego Rivera, Wyndham Lewis, Natalia Goncharova, Gino Severini, Ardengo Soffici, Marsden Hartley e Jean Metzinger.

Grazie alla collaborazione di musei come il Victoria and Albert Museum di Londra, il Guggenheim Museum di New York, la National Gallery of Art di Washington, il Thyssen-Bornemisza di Madrid, lo State Pushkin Museum of Fine Arts di Mosca, il The State Hermitage Museum di San Pietroburgo o il Thyssen-Bornemisza di Madrid si è potuto mettere insieme molti dei capolavori dei maggiori esponenti dell’arte cubista del XX secolo.

Orari
Lunedì – Giovedì: ore 9.30 – 19.30 Venerdì, Sabato: ore 9.30 – 23.30 Domenica: ore 9.30 – 20.30

Biglietti
Intero: 10 Euro
Ridotto Gruppi: 9 Euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *